Protagonisti del nostro tempo

Stare in mezzo alla gente, che sia sull’autobus, al bar, nelle scuole, al mercato, nelle serate a tema, nell’apparente invisibilità della rete… Ogni occasione è preziosa per ascoltare e per condividere il desiderio di partecipare tutti insieme alla costruzione del nostro mondo. Sentire che ognuno è importante, che ognuno è unico, che ognuno ha un compito da svolgere e che per questo è insostituibile: continuo a pensare che la nostra Costituzione ci vuole attivi protagonisti del nostro tempo e che ci sollecita alla solidarietà politica, a quel “sortire insieme dai problemi” che per don Milani costituiva l’essenza stessa del fare politica. Mettiamo insieme le nostre idee e le nostre competenze: quanti cambiamenti, in meglio, riusciremo a realizzare insieme?

Annunci

2 risposte a “Protagonisti del nostro tempo

  1. Grazie Gabriele! Ci aspettiamo molto dalla collaborazione virtuosa tra chi governa e chi vigila sulla corretta applicazione delle norme. Forse non sempre ci si ricorda che il principio costituzionale di solidarietà obbliga a ricercare in ogni ambito, in ogni settore della vita sociale il giusto bilanciamento tra gli interessi, senza sacrificarne a priori nessuno. Un lavoro delicato che non sempre gli amministratori riescono a svolgere con la dovuta imparzialità…

  2. Ciao a tutte/i,

    visto il dibattito di ieri, mi permetto di segnalarvi la sentenza con cui il TAR ha fatto salvo il regolamento comunale di Malosco, che impone alcune restrizioni per i trattamenti fitosanitari, tra le quali il divieto di usare pesticidi a meno di 50 metri di distanza da luoghi pubblici, abitazioni private, orti, giardini, luoghi frequentati da bambini.
    http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Trento/Sezione%201/2011/201100063/Provvedimenti/201200018_01.XML
    La sentenza è scritta molto bene, con un linguaggio chiaro e per certi versi coraggioso: si richiama più volte il principio di precauzione, che impone alle amministrazioni “l’ obbligo di adottare provvedimenti appropriati al fine di prevenire rischi, anche se solo potenziali, per la salute, per la sicurezza e per l’ambiente, facendo in ciò necessariamente prevalere le esigenze connesse alla protezione di tali valori sugli interessi economici dei singoli, cui sia fondatamente addebitabile il pregiudizio temuto ovvero già occorso”.
    Vorrei vivere in un Trentino dove sia ben chiaro agli amministratori dove stia la giustizia (anche quando è scomoda e attira le ire delle lobbies), quale sia il punto in cui collocarsi nel bilanciamento tra la libertà di iniziativa economica privata e il diritto a crescere e vivere in un ambiente salubre.

    Ps: FORZA PROF!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...