“Fare il mondo come dovrebbe essere”

In questi giorni sto incontrando gli Ordini delle diverse professioni sanitarie che sono impegnati nelle loro Assemblee di fine anno e che, grazie a questo, mi consentono di capire quali sono i temi in discussione, quali i problemi aperti, quali le decisioni attese. Fino ad oggi mi sono confrontata con i farmacisti, i veterinari e i medici (e domani ci sono in calendario gli infermieri e le ostetriche) e vorrei brevemente restituire alcune impressioni ed alcune riflessioni scaturite dall’ascolto e dal primo impatto con questi mondi così interessanti e attivi. Le parole che ho udito pronunciare con maggior frequenza, nelle tre diverse Assemblee cui ho partecipato, sono state centralità della persona, multidisciplinarietà dei servizi, alleanza tra le diverse competenze, necessità di formazione costante, apertura al cambiamento ed alle innovazioni, responsabilità personale, qualità professionale… Per costruire le condizioni di salute necessarie al singolo ed alla comunità nella sua interezza sono tutti consapevoli che sia necessario agire sul piano della prevenzione, per restituire al ricovero ospedaliero ed all’intervento sanitario vero e proprio la sua funzione di ultimo anello della catena della cura. Intervenire nei diversi ambiti che richiedono un cambiamento educativo e culturale (non è banale ricordare che una buona condizione di salute inizia dal carrello della spesa…) significa investire nella scuola, nei servizi alla persona, nella qualità dell’ambiente, nei trasporti, nell’agricoltura e nella filiera alimentare, insomma nelle condizioni complessive di vita delle persone: per questo è necessaria un’alleanza tra i diversi soggetti -pubblici, privati, associativi, di comunità- che agiscono nella società. La contrazione delle risorse ci obbliga, finalmente, a “fare il mondo come dovrebbe essere”: ad usare intelligenza, fantasia organizzativa, reciproca solidarietà, uscendo dagli schemi cui ci siamo abituati e nei quali ci siamo adagiati, per sperimentare nuove soluzioni alla domanda di salute che ciascuno di noi legittimamente esprime. E cui le istituzioni provinciali sono chiamate a dare adeguata risposta.

Annunci

3 risposte a ““Fare il mondo come dovrebbe essere”

  1. Sarò banale, ma ogni tanto transito da qui (come pure sul blog di Civati 😉 http://www.ciwati.it) per …”ossigenarmi” un pochino: per trovare cioè parole e pensieri come questi che mi “scaldano il cuore”!
    Questo è il modo di far politica che mi piace (…”fuori dagli schemi”, appunto), che vorrei veder diffuso e diffondersi: una politica basata sull’ascolto, condivisa e trasparente, che tenga al centro il cittadino, per poi giungere a delle scelte che siano le migliori possibili.
    Spesso è facile a parole (soprattutto in campagna elettorale). In realtà è un compito arduo, una strada certamente in salita; ma anche l’unica che ci rimane… Auguri sinceri Donata! Forza!!

  2. Cara Donata permettimi alcune impressioni da “esterno”.
    Ho come l’impressione che il “nostro” Presidente ti stia fregando….
    Ti ha dato un Assessorato molto complesso e difficile, ti ha tolto Dirigente Generale e Dirigenti.
    Ti ha praticamente lasciata sola….
    Io non mi fiderei.
    Un saluto
    Pietro

    • Caro Pietro, grazie della tua franchezza. Credi non ci abbia pensato? Ho mille dubbi ma sento di avere una grande responsabilità verso le persone che mi hanno votato e verso le persone che sto incontrando in questo mio primo periodo da assessora (funzionari, operatori delle professioni sanitarie, cittadini, associazioni e cooperative…). Non posso permettermi di lasciar cadere la speranza di chi -persino negli incontri sull’autobus o per strada- si aspetta da me un, ancorché piccolo, segno di cambiamento. Lo so che la strada è in salita, però questa è la realtà con la quale devo misurarmi. E non sono sola, se ci siete voi…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...